“L’ambiente piatto ed inespressivo, creato dall’utilitarismo della rivoluzione industriale, costituisce una forma di negazione, la quale oltre all’instaurare il regno della bruttezza, ha esercitato un’influenza di lunga portata sulla vita quotidiana e sulla mentalità del popolo” : così, con sintesi efficace, il critico americano John Hemming Fry, denunciava, nel 1939
 
“Quella piazza è sempre attuale”: è questo il tormentone, targato Anpi e Camera del lavoro,  che segna, anche quest’anno, nel capoluogo ligure, l’anniversario, 64 anni dopo, del mancato congresso nazionale del Msi a Genova.  Che senso ha  “celebrare”, con la pompa delle grandi occasioni, un avvenimento a dire poco oscuro
 
Non so se stiamo esagerando negli allarmi per gli episodi di Torino e Treviso, fatto sta che il sermone tenuto dall’imam musulmano nell’Università di Torino occupata da studenti anti-israeliani e l’esenzione dalle lezioni di letteratura italiana concessa da una scuola di Treviso a studenti che si sentivano “offesi” dalla Divina
 
L’Europa deve cambiare: è questa l’aspettativa autentica che ci sta di fronte,  in vista del prossimo appuntamento elettorale dell’ 8-9 giugno, consapevoli  che, nella prospettiva di una più matura integrazione continentale,  evidentemente non sia possibile  continuare a muoversi con le modalità fino ad oggi seguite, avendo gli identici obiettivi ed
 

“Siamo obbligati a convivere” di Antonio Saccà

Occorre un atto di volontà, che non vi siano guerre rovinose, atto di volontà, non soltanto speranza, atto di volontà, lottare per la pace. Non si tratta di essere pacifisti, di consegnarsi alla pace sempre ed a tutti i costi. Assolutamente, no! Si tratta di valutare gli scopi e la
 

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.