Cannella traduce Gerbino (in siciliano)

Vriogna

Francesco Maria Cannella

Chiddu chi sentu

è ‘na vuci accussì nica

ca mi teni vacanti.

‘Na vuci chi sona

di la to’ vucca

appizzata pi sditta

taliannu

dintra ‘na vasata

senza lacrimi.

E la notti

avi stu ‘ncantu

e sta malummra

pi cu dici e ‘un avi

chi fari:

pupu

facci funnuta e senza feli

ca ridi e chianci.

 

da una libera traduzione in siciliano della poesia Nudità di Aldo Gerbino, Les rites des ténèbres, EuroEditor, Lussemburgo, 1990.

 

 

Nudità

Aldo Gerbino

Ciò che percepisco

è un richiamo così sottile

che credo non m’appartenga.

Un richiamo che vibra

del tuo ricorrere alla nudità

all’assuefatto torpore

dell’incontro

al bacio

appena avvertito.

E la notte

ha questo di magico

e d’irritante

che ti scopre come sei

e come non vorresti essere:

ruga

cratere epidermico

spasmo.

 

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.