IL SIMBOLISMO DELLA PALMA E DELLE SUE RADICI” ( DE METAPHORA PALMAE ET RADICIS EIUS) – STUDIO DI GIOVANNI TERESI IN ITALIANO E LINGUA LATINA

icis eius Palma arbor proprie.
La sacralità della palma risale a prima dell’avvento del Cristianesimo. Nella mitologia greca la palma è una pianta solare, in quanto essa è sacra ad Apollo: si racconta che Latona, giunta a Delo, partorì il dio della luce appoggiandosi ai tronchi di due palme. Nella mitologica fondazione di Roma, la palma è legata al sogno premonitore di Rea Silva che vide due palme di smisurata grandezza ergersi fino al cielo, presagio della nascita di Romolo e Remo.
L’iconografia mitologica raffigura Eros e Antero, suo fratello, mentre si scambiano un ramo di palma, simbolo di amicizia. La dea della vittoria, Nike, è raffigurata con una palma e una corona di alloro, così come la vediamo incisa sulle medaglie olimpiche. Interessante notare come nella cultura greca essa sia accostata alla fenice: in greco phoinix è la traduzione in greco del sostantivo fenicio tamar, cioè palma.
Nella tradizione greco-romana, viene associata alla vittoria: i gladiatori romani i gladiatori romani venivano premiati con un ramo di palma e di alloro. Per la sua capacità di slanciarsi verso il cielo, la palma era considerata un elemento di collegamento tra il terreno e il divino. Questo albero è anche il simbolo dell’unione di maschile e femminile: il tronco richiama il fallo, mentre le foglie e i suoi frutti sono la femminilità.
La palma è un classico simbolo di fertilità e un emblema della vittoria.
E’ anche considerata un simbolo di longevità, mentre il ramo di palma rappresenta un simbolo di pace.
Come regola generale, la palma della tradizione simbolica – è la palma da datteri, le sue foglie, raggiungono la lunghezza di 1-2 metri e di solito vengono chiamate  rami di palma. I popoli dell’Asia Minore usavano le foglie di palma da dattero per rituali funebri (come nell’occidente hanno deciso di utilizzare le corona).
Nella sua successiva interpretazione invece è un simbolo di longevità.
Sumera Ishtar la dea della fertilità, si sposò con Dummuzi – dio della crescita e della fruttificazione delle palme da dattero. I Greci avevano preso questo albero in prestito dall’ Egitto e dalla Mesopotamia, essendo una rarità nell’antica Ellade. Forse per questo motivo i vincitori dei Giochi Olimpici venivano presentati, insieme ad una corona di rami d’ulivo e di palma, per aggiungere il valore di un augurio di buona salute e la longevità. Più tardi, il ramo di palma diventò un simbolo mondiale di pace, simile a quello d’uliva, e di vittoria.  Nel cristianesimo, la palma è simbolo del sacrificio e della purezza. Secondo la tradizione di pellegrini portavano le foglie di palma dalla Terra Santa. Nel calendario liturgico, infatti, la Domenica delle Palme celebra l’ingresso di Gesù a Gerusalemme, accolto dalla folla che agitava rami di palme, come leggiamo dal vangelo di Giovanni 12,13-15
Come un emblema di longevità l’albero divenne noto in Europa durante le Crociate. Il suo significato come simbolo di pace fu confermato nel Rinascimento e poi fu bloccato.
 
De metaphora Palmae et radicis eius
 
Dicitur etiam manus extenta (…) Eleganti metaphora justus comparatur palmae; nam palma est arbor horribilis radice, aspera cortice, firma robore, sublimis culmina, delectabis flore, suavis fructus dulcidine, erecta pro charitate signum victoriae; sic vita sanctorum vel religiosorum horribilis in radice, scilicet ab initio intrantibus religionem, quia stultis infert horrorem; unde in Libro Sapientiae: “Nos insensati vitam illorum putabamus insaniam” (Sap., V 6); aspera est in cortice, in victu scilicet, et cultu et vestitu; firma robore, constantia scilicet et patientia, sublimis virtutum et operum eminentia; delectabilis flore, quia in ea florent virtutes et bonae operationes; suavis est fructus dulcidine, quia pro labore percipit dulcem fructum vitae aeternae; erecta pro charitate, quia mentem esigit ad contemplandum coelestia; signum victoriae, quia propter luctam, scilicet qua vincit mundum, carmen et diabolum, merebitur coronam. Romus proprie, Aliquis ab aliquo descendens, qui metaphorice dicitur ramus; quia sicuti rami procedunt ab arboribus, sic posteri ex praedecessoribus; unde Apostolus: “Si radix sancta, et rami” (Paolo, Ad Rom., XI 6), id est posteri. Dicitur opus, unde per prophetam Veritas ait, antiquorum hostium malitiam signans: “Posuit vineam desertam vel in desertum, ficum decorticavit, exspoliavit eam”; alibi: “Fracti sunt rami ejus” (Ioel., I  7); insidiantibus quippe malignis spiritibus Dei vinea in desertum ponitur, cum plena virtutibus anima humanae laudis cupiditate dissipatur.
 Giovanni Teresi
 

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.