"Le pagine bianche" di Vincenzo Gennaro

Le pagine bianche sono in attesa che qualcuno ci scriva qualcosa, sono in trepida attesa, sono in ansia ,aspettano qualcuno che abbia qualcosa da dire di bello, di giusto, di vero e finalmente si decida a scriverlo, le pagine scritte  sono felici e orgogliose  di offrire al mondo un messaggio di gioia e speranza.

Le pagine bianche  sono come i fiori che aspettano un complimento per la loro bellezza ed il loro colore ,come la frutta matura che aspetta di essere raccolta per imbandire le tavole della vita, sono come le ragazze  in una sala da ballo che aspettano ansiose che qualcuno li inviti a ballare, sono come i neonati che aspettano il bacio di mamma.

Le pagine bianche sono in attesa di un poeta che prenda una penna, si sprema il cuore e interroghi l’anima per scriverci una parola d’amore, un verso che faccia scoppiare il cuore e strappi una lacrima alle statue di marmo e di bronzo.

Le pagine bianche sono pazienti, aspettano il loro turno, prima o poi qualcuno verrà. Magari un poeta, un artista, un musicista, forse sarà un filosofo o un archeologo, magari sarà una  bella donna perdutamente innamorata, chiunque sia, chiunque sia,le pagine bianche sperano che scriva qualcosa di bello, che faccia vibrare le corde del cuore, che amplifichi gli spazi dell’anima, che dia serenità e un sorriso ad un mondo in angoscia .Speriamo in questo dicono, così mi conserveranno gelosamente  custodite e mi tramanderanno negli archivi della memoria per dare felicità alle generazioni future, altrimenti il nostro destino è segnato, finire in un volgare cestino, forse saremo  riciclate , una sorta di resurrezione per riaccendere la speranza di una vita più bella e più lunga

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.