Elite e Distinzione/ 12 - Gennaro Malgieri

Che cosa manca alla nostra epoca? Lo stile, senza dubbio. E siccome il vuoto non è ammesso, in natura come nella vita sociale, tale mancanza viene colmata dalla volgarità.
Lo stile è l'uomo, si diceva una volta. Oggi la volgarità è tutto. E quanto più si appare tanto più si deve essere volgari. Chi la volgarità la incarna al meglio è il prodotto più maturo derivante dalla cancellazione o dal disconoscimento delle gerarchie. Nel mondo degli "uguali" non c'e posto per chi è "differente", non allineato ai gusti, ai costumi e al linguaggio corrente. E, dunque, men che meno per le aristocrazie dello spirito che legittimano la nobiltà. Ecco: la nobiltà è sinonimo di stile quando non si lascia travolgere dal "sentire comune" per scaldarsi in mezzo al gregge; comunque la si voglia declinare essa ha caratteristiche che prima o poi anche coloro che sono distratti riconoscono. Averla negata è stato un tradimento storico. Lo stile comporta alcune qualità come l'onore, la fedeltà, la lealtà, il sacrificio, la gratuità del dono, il riconoscimento del merito, la pietà, la carità, la bellezza. In un mondo privo di tutto questo - e di molto altro ancora - cosa resta al Ribelle se non rifugiarsi laddove l'ombra e più fitta? Nel non-luogo, lontano dalla modernità - dove si vive appartati - le nuove aristocrazie si ritrovano. La fitta boscaglia dei vecchi valori le protegge. Ed è stilisticamente perfetta l'armonia del distacco e della solitudine.
L'estrema forma di un'eleganza ancora possibile.
 

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.