Elite e Distinzione/ 30 - Vanni Teodorani

Caratteristica fondamentale di un patriziato politico, esclusi perciò cortigiani e feuda­tari, consiste nell’assenza di ogni particolare investitura dall’alto, ma bensì nel riconosci­mento di una funzione dal basso. Cosimo il Vecchio, a simiglianza di Pericle, era Signore di Firenze senza che nessuno ve l’avesse nominato, e i suoi nipoti quando trovarono la corona granducale, avevano perduto ogni vera importanza politica. (...) Un altro segno che contraddistingue il patriziato nazionale, è di essere aperto a tutti, in qualunque momento come cosa che non abbisogna di canciellereschi ripieghi, ma trae dalla vita, e solo dalla vita, momenti e argomenti. (...) Perchè dei migliori abbisognano gli Stati, e che i migliori mai perdano l’iniziativa. Nello Stato di domani il patriziato nazionale continuerà la sua opera, traendo dalla sua azione e dai suoi sacrifici riconoscimento e fervore, arricchendosi di continuo dei migliori in ogni campo che il popolo venga via via esprimendo.

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.