Emilio Paolo Taormina, “Strade e Tamburi di Sabbia” (Ed. L’arciere del dissenso)

di Ester Monachino

 

 

 Quando si incontra la poesia di Emilio Paolo Taormina non soltanto si consolidano consonanze animiche ma si conferma  - se mai fosse necessario -  quanto la scrittura sia il tramite indiscusso per dare compiutezza all’essere.

Nel recente volume di versi “Strade e Tamburi di Sabbia”, la limpidezza dello stile unitamente alla fascinazione dello sguardo pittorico e dell’auscultazione musicale, tanto fondanti nella versificazione, fanno di queste poesie un momento tattile, prensile, apertura onnicomprensiva.

Ovunque, la magia del paesaggio cesellato con la filigrana dei colori e dei profumi; la magia dei ricordi, evocativi, nostalgici, rituali di vita; le magie assidue nel sentore dell’essere “contadino” di poesia, artifex, sorgente creativa in perenne movimento vitale.

Sonorità primaria dell’Anima nel canto lirico è l’Amore. Tutto in Poesia è atto d’amore. A pag 79 leggiamo: “…chiudo gli occhi/ per vederti meglio”: questi due versi si fanno chiave di lettura del contesto, sono fulcro dello sguardo ispirativo, vettore di irraggiamento. Ad occhi chiusi, l’Amata è sempre momento presente ma, ad occhi chiusi, non è più donna carnale ma Donna d’Anima. Per questo, “mi cresci dentro” (pag. 80), per questo “ti porto sempre/ con me/ per i vicoli le strade/ le piazze/ sei nei miei occhi/…ti ho creata/ nello specchio segreto/ della mia carne/ sei parola e musica/ del mio sangue” (pagg. 107-108).

Poesia consapevole, questa di Emilio Paolo, poesia forte nei contenuti ma sapientemente vestita in leggiadria, poesia poematica per il tessuto espressivo senza frammentazioni, poesia di gran bellezza.

Un cenno va dato al testo introduttivo dello stesso Taormina sul dettato e sulle motivazioni della propria scrittura: una confidenza, una confessione, si potrebbero dire, come un filo rosso di conduzione nel coraggio intimo del poetare; un testo d’alta marea per quanto di emozionale riesce a sollevare e tessere nella risposta simpatetica del lettore.

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.