As a plastic bag: fin lì può arrivare -

Immagine correlata

 

 

Cees Nooteboom, AUTORITRATTO DI UN ALTRO, 1993  

http://nonostanterivista.wordpress.com/2011/04/11/volti-cees-nooteboom/

 

 

Thomas Newman, AMERICAN BEAUTY: original motion picture score, 1999

http://it.wikipedia.org/wiki/Thomas_Newman

 

 

 

Viene portato in volo dalla canzone che continua a ripetersi, sirene che non concludono la loro seduzione, che lo lasciano in attesa ai confini del loro territorio. Così non può andare né avanti né indietro; fa la ronda nello spazio limitato che gli resta, grida la sua contrarietà nel cielo in fiamme. Vede ogni cosa: il topo tra i cardi, il roveto ardente, il cammino della sua ombra in catene. Il desiderio lo separa dai loro richiami, sente voci, non parole. La posizione delle ali è la sua unica libertà. Quando gli inviti si fanno più forti lui compie un rapido movimento verso l'alto per scoprire il loro nascondiglio. Poi le voci tornano a indebolirsi e si spostano verso la costa e il mare. Fin lì non può arrivare. La sera rompe l'incantesimo. Attraverso le seriche nebbie torna in volo al suo letto. Nel suo misero sogno la canzone si insinua nell'inquietudine, preghiere da un irraggiungibile convento femminile. Con la prima luce giunge il loro primo richiamo. Si alza in volo e si mette a caccia di quella preda che è lui stesso.

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti

Articoli più letti

Questo sito utilizza Cookies necesari per il corretto funzionamento. Continuando la navigazione viene consentito il loro utilizzo.